LE PRINCIPALI NOVITÀ’ A SOSTEGNO DEI LAVORATORI AUTONOMI, LIBERI PROFESSIONISTI E STAGIONALI

Le principali novità del decreto in oggetto sono le seguenti:

 
1.      indennità 600 euro per titolari di partita, lavoratori autonomi, co.co.co, lavoratori stagionali;
2.      cassa integrazione salariale in deroga per massimo 9 settimane (procedure demandate a Regioni e Province);
3.      procedure semplificate per cassa integrazione ordinaria (per industria e edilizia)sempre per massimo 9 settimane
4.      voucher baby sitter di 600 euro massime per figli fino a 12 anni che vanno a scuola.
5.      Tutti gli adempimenti e versamenti fiscali in scadenza oggi, 16 marzo, sono sospesi per tutti i contribuenti. Per i soggetti con ricavi superiori a 2 milioni la scadenza è rinviata a venerdì 20 marzo, mentre per gli altri al 31 maggio, i versamenti sospesi sono effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un'unica soluzione entro il 31 maggio 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020 ;
6.      rinvio al 31 maggio per iva, contributi, ritenute alla fonte per le aziende e professionisti con fatturato fino a 2 milioni;
7.      rinvio contributi per i collaboratori domestici al 10 – giugno;
8.      NEGOZI e BOTTEGHE - CREDITO d'IMPOSTA Art. 62 Introdotto inoltre un credito d'imposta a favore degli esercenti attività d'impresa che esercitano in locali in locazione. In particolare: SOGGETTI INTERESSATI Esercenti attività d’impresa. MISURA del CREDITO d'IMPOSTA 60% dell’ammontare del canone di locazione, relativo al mese di marzo 2020, di immobili rientranti nella categoria catastale C/1. ESCLUSIONI Il credito d’imposta non si applica alle attività di cui agli allegati 1 e 2 del D.P.C.M. 11 marzo 2020 (in quanto tali attività sono state identificate come essenziali, tra cui farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari di prima necessità) ed è utilizzabile esclusivamente in compensazione;

9.      MUTUI PRIMA CASA - PARTITE IVA Art. 53 Disposta la sospensione delle rate dei mutui sulla prima casa per le partite Iva, compresi lavoratori autonomi e professionisti; la misura - che resterà in vigore per 9 mesi - è peraltro subordinata alla presentazione di una autocertificazione con la quale si attesta di aver perso, in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020, oltre il 33% del proprio fatturato rispetto all'ultimo trimestre 2019. Nessun obbligo di presentare l'Isee..

ANBIR

(Associazione Nazionale Biologi Insegnanti e Ricercatori)